E’ stato arrestato un marocchino di 51 anni poiché avrebbe preso a calci e pugni la moglie di 28 anni la quale si sarebbe rifiutata di indossare il burqa. Una reazione violentissima e assolutamente ingiustificabile che ha portato gli inquirenti ad arrestarlo con l’accusa di sequestro di persona, minaccia aggravata e maltrattamenti in famiglia. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo l’avrebbe prima picchiata e poi accusata di volersi comportare all’occidentale, di non voler indossare il burqa. Poi avrebbe rinchiuso la moglie in bagno per impedirle di chiamare le forze dell’ordine. Un vero e proprio sequestro di persona.

Non indossa il burqa, marito la rinchiude in bagno

Dopo essere stata chiusa in bagno, la 28enne è riuscita a scappare in strada dove si è accasciata al suolo. A chiamare i soccorsi, a quel punto, sono stati i vicini di casa che hanno allertato i carabinieri di Napoli i quali hanno subito arrestato il marito violento dopo aver ascoltato il racconto choc della donna secondo cui l’uomo l’avrebbe picchiata più volte accusandola di comportarsi all’occidentale.

Non indossa il burqa, il racconto choc della donna

L’aggressore adesso è stato portato al carcere di Poggioreale. Dovrà rispondere dei maltrattamenti in famiglia e della reazione violentissima contro la donna.