“La nazione del futuro”.

Così il presidente del gruppo Pirelli, Marco Tronchetti Provera, definisce un Paese come il Brasile.

Ebbene sì, nell’economia, nella moda e in molti altri campi, il Brasile si sta muovendo molto velocemente.

Non a caso una delle città brasiliane più famose, Rio de Janeiro, è stata scelta come location del Calendario Pirelli 2013.

Ecco, alla parola “calendario” posso già notare le reazioni.

Le donne si girano indifferenti facendo finta di nulla, quasi indispettite mentre lo sguardo attento degli uomini testimonia un’immaginazione in pieno fermento.

Tranquilli, per il 2013 Steve McCurry (il fotografo che deve la sua fama alla bambina afghana dagli occhi verdi) ha pensato di mescolare persone comuni e modelle.

Non modelle qualsiasi, ma ragazze accomunate dal loro impegno a sostegno di Organizzazioni non governative, fondazioni o progetti umanitari.

Donne speciali immortalate nella vita quotidiana che si svolge tra le vie di Santa Teresa e le favelas di Rio.

Progetto impegnativo ed idea fantastica.

Finalmente una bellezza che arriva dall’anima.

L’anima dei veri luoghi della vita brasiliana e quella della gente vera che ogni giorno ci ricorda che il Brasile non è solo samba e spiagge stupende.