Sparatoria in California dove un afroamericano di 39 anni ha ucciso a colpi d’arma da fuoco tre persone che si trovavano in strada a Fresno. Stando alle prime informazioni, il delitto sarebbe maturato per motivi razziali: la polizia esclude la matrice terroristica dell’attacco nonostante il killer, nel momento dell’arresto, pare abbia urlato “Allah Akbar”. Nello specifico, il killer si è avvicinato ad un furgone dell’azienda energetica “Pacific Gas & Electric” sparando all’improvviso contro un uomo che era seduto sul lato passeggero. Il guidatore del mezzo è riuscito a fuggire.

California, esclusa la matrice terroristica dell’attacco

Il killer poi si è diretto verso una strada vicina dove ha sparato alcuni colpi di pistola contro un altro passante. Subito dopo ha ucciso una terza persona che si trovava nei pressi di un istituto di beneficenza. Infine ha sparato contro un altro uomo che, fortunatamente, è rimasto illeso. Dopodiché è stato raggiunto dagli agenti di polizia e, mentre veniva arrestato, avrebbe urlato “Allah Akbar”. Sul suo profilo Facebook rivenute diverse frasi contro il Governo ed i bianchi.

California, il killer aveva già ucciso una guardia giurata

Il killer, secondo fonti di polizia, è sospettato anche di aver ucciso una guardia giurata giovedì scorso davanti ad un motel, sempre a Fresno, in California.