Alido Timeus, uomo di 67 anni di Ovaro (in provincia di Udine) è morto in seguito alla caduta in una scarpata, mentre si trovava in un bosco in compagnia del suo cane. E sarebbe stato proprio quest’ultimo ad aiutare i soccorsi a ritrovare il corpo del padrone. Timeus si era recato presso un bosco in Carnia per osservare gli animali e nonostante pare quasi sicuro che il motivo della morte sia stato dovuto alla caduta, per l’ufficialità si attendono i riscontri degli esperti. L’uomo sarebbe potuto cadere accidentalmente in seguito ad un malore, ad esempio: tutte ipotesi che saranno probabilmente vagliate anche grazie all’autopsia.

A lanciare l’allarme sulla scomparsa dell’uomo erano stati i suoi familiari: Timeus non era rientrato dopo la solita passeggiata in compagnia del suo cane (un segugio da caccia) e questo ha fatto destare la preoccupazione dei suoi congiunti. I soccorritori – i volontari del Cnsas di Forni Avoltri, i Carabinieri e gli uomini del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Tolmezzo  - lo hanno cercato per diverso tempo ma ad aiutarli a trovare il cadavere dell’uomo è stato il suo cane, che ha abbaiato e guaito e in questo modo ha attirato i soccorritori lì dove giaceva il corpo del padrone. Il cane lo avrebbe vegliato per tutta la notte e sarebbe stato infine decisivo per il recupero di Timeus.

L’uomo è stato ritrovato alle ore 7 di questa mattina e i soccorritori non hanno potuto fare altro che costantarne il decesso. Le prime indagini hanno portato a ritenere che Timeus possa essere caduto nel dirupo accidentalmente per una distrazione oppure a causa di un malore. All’interno della sua auto, parcheggiata in una strada secondaria che collega Ovaro e Sauris, sarebbero stati ritrovati anche il cellulare e le chiavi.