La Corte Suprema del Messico ha bollato come incostituzionale la legge che proibisce il consumo di cannabis a uso ricreativo. Una decisione che di fatto apre alla legalizzazione della marijuana nel Paese patria del narcotraffico.

I giudici hanno concesso a quattro membri della Smart, la Mexican Society for Responsible and Tolerant Self-Consumption, di crescere, detenere e fumare marijuana. Esserne trovati in possesso per i 4 cittadini non sarà più un reato a patto che si tratti di un utilizzo esclusivamente ricreativo e che la detenzione non avvenga ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti o del commercio.

Gli attivisti che si battono per la legalizzazione della cannabis hanno espresso soddisfazione per la decisione della Corte Suprema, affermando che questa sentenza apre la strada alla fine dell’era del proibizionismo, vincendo i pregiudizi e le opposizioni dei politici e della Chiesa cattolica.

Nella sentenza i giudici sostengono che il divieto della cannabis a uso ricreativo viola il diritto a uno sviluppo libero della personalità.

L’avvocato Francisco Torres Landa, tra i promotori del ricorso, esulta:

Se queste norme sono incostituzionali per noi quattro, allora dovrebbero essere incostituzionali per l’intera popolazione messicana. Il nostro obiettivo è giungere a una disciplina nazionale che abolisca il divieto. Non vogliamo promuovere il consumo di cannabis, vogliamo solo cambiare le regole per combattere il narcotraffico.

Cannabis: in Messico 100 mila morti in guerra al narcotraffico

La guerra ai cartelli della droga in Messico è costata finora 100 mila vite. Se la corte messicana dovesse pronunciarsi a favore dell’utilizzo ricreativo della cannabis in altri 5 ricorsi si creerebbero le basi per cambiare definitivamente la legge e legalizzare il consumo di marijuana in tutto il Paese.

L’opinione pubblica messicana sta iniziando a cambiare idea sulle droghe leggere. Prima il consumo di cannabis era associato alle violenze ma oggi i cittadini sanno che a commettere dei crimini sono solo i narcotrafficanti.