Buona notizia per chi chiede che la cannabis venga legalizzata nel nostro paese. Ha preso infatti avvio il percorso parlamentare affinché la proposta di legge per la legalizzazione della marijuana possa diventare a tutti gli effetti una legge italiana.

A dare la notizia è stato il promotore del gruppo di parlamentari misti, appartenenti a partiti di diversi schieramenti, favorevoli alla legalizzazione della cannabis. Il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova ha infatti comunicato che: “Oggi il progetto di legge per la cannabis legale è stato inserito nel calendario trimestrale della Camera dei Deputati. Si tratta di un primo, grande risultato perché comincia l’iter parlamentare di questa proposta, sottoscritta e presentata da 220 deputati, a cui se ne stanno aggiungendo altri”.

Benedetto Della Vedova dichiara inoltre che: “Va dato atto a tutti i parlamentari che hanno sottoscritto la proposta di legge, a cominciare da quelli che hanno aderito all’intergruppo, di aver smosso le acque per far partire l’iter parlamentare di questa legge. Ringrazio i capigruppo di Movimento 5 Stelle e Sel, che con il presidente Arturo Scotto ne ha chiesto la calendarizzazione. É un punto di partenza su cui bisognerà lavorare molto: la strada é lunga, servono tempo e pazienza, ma abbiamo la determinazione per andare fino in fondo”.

Un parere di grande soddisfazione per questo primo importante passo verso l’approvazione della legge per la legalizzazione della cannabis in Italia arriva proprio da Arturo Scotto, citato da Della Vedova nel suo discorso. Il capogruppo dei deputati Sel ha detto: “Finalmente si inizia a discutere di legalizzazione. Ora presto l’avvio della discussione del provvedimento in commissione Giustizia. Il primo obiettivo è stato raggiunto: una proposta concreta e praticabile inizia la discussione. Faremo in modo che questo lavoro non si concluda con un nulla di fatto ma, anzi, che la proposta di legge possa essere approvata in questa legislatura. Non è il miglior testo possibile, ma è un testo che tutti possono condividere”.

La proposta di legge prevede che i maggiorenni possano avere fino a 15 grammi di marijuana a casa e 5 grammi in possesso in giro. Sarà inoltre possibile la coltivazione domestica, con un limite di cinque piante. È poi prevista l’apertura di appositi centri, i cosiddetti “Cannabis Social Club”, per la coltivazione collettiva fino a 250 piante, oltre a semplificazioni nelle procedure per la vendita di cannabis a fini terapeutici.