Mercoledì 19 luglio il capotreno del treno Regionale Trenord delle 7 che da Piacenza porta a Milano Greco Pirelli aveva denunciato di essere stato accoltellato. Ma l’accoltellamento non c’è mai stato.

Il capotreno, Davide Feltri di 47 anni, aveva spiegato alle forze dell’ordine di essere stato colpito da un uomo di colore, si era invece inventato tutto. A rivelarlo la polizia di Lodi che insieme alla Scientifica ha controllato tutti i filmati ripresi dalle telecamera delle ferrovie.

Per via del suo comportamento, l’uomo è stato accusato di calunnia e simulazione di reato. In realtà, il capotreno si era ferito da solo alla mano con un coltello proveniente da casa sua, come spiega il procuratore della Repubblica di Lodi Domenico Chiaro: “Si è inventato tutto, la vicenda va letta come segnale di esasperazione per la situazione che sta vivendo”.

Durante l’interrogatorio il controllore ha ammesso la menzogna e di essersi autoinferto la ferita. Il 19 luglio Feltri aveva raccontato alle autorità di essere stato aggredito da un ghanese 25enne con cui il giorno prima avrebbe avuto una lite; lite che non sembra essere mai esistita proprio come l’aggressore.