Era destinata a diventare il pasto di un’affamata tigre, ma il destino ha voluto per lei un esito differente. È quanto racconta la storia di una capra, Timur, pronta e essere sacrificata in uno zoo russo per sfamare una tigre siberiana. Eppure, introdotto l’erbivoro all’interno del recinto, il felino ha evidentemente ritenuto non fosse il caso di cacciare un animale così testardo, tanto che i due hanno imparato a convivere.

Il tutto accade al Primorsky Safari Park, dove la capra Timur è stata scelta come preda per Amur, una tigre siberiana: al grande felino, infatti, una volta a settimana è concessa la possibilità di lanciarsi nella caccia, per mantenere vivi i suoi istinti nonostante la cattività. Introdotta nel recinto, però, la capretta non si è data per vinta: non solo ha rincorso la grande tigre, che di certo non si aspettava di ricoprire il ruolo della fuggitiva, ma ha addirittura preso possesso della tana del quadrupede. Non è però tutto poiché il felino, forse confuso dalla sconfitta, ha atteso per oltre quattro notti sulla tettoia di quella che era ormai diventata la sua ex-casa, senza disturbare minimamente il nuovo ospite. Superati i primi giorni, sembra che i due animali siano ormai ottimi amici o, quantomeno, rispettosi conviventi. La capretta è stata chiamata Timur in onore di una fiaba per bambini, con protagonista un bimbo coraggiosissimo.

Fonte: Telegraph