La rivoluzione della nuova carta d’identità elettronica comincia a partire da oggi, lunedì 4 luglio. Dopo le prime sperimentazioni in alcuni comuni, che non sempre sono andate per il meglio, adesso farà il suo arrivo in circa 200 città italiane.

La circolare del ministero segnala che dal 4 all’8 luglio, tra le città interessate, vi sono Perugia, L’Aquila, Verona, Pordenone e Sassari, mentre dall’11 al 15 luglio la nuova carta d’identità elettronica arriverà a Roma, Napoli, Parma, Bolzano e Trento, dal 18 al 22 luglio a Firenze e quindi dal 5 al 9 settembre a Milano e a Torino.

Progressivamente, la nuova carta d’identità elettronica sostituirà quella “vecchia” in formato cartaceo. Tra le novità introdotte ci sarà la possibilità di utilizzarla non unicamente come documento d’identità, ma anche per poter accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione del sistema Spid (sistema pubblico di identità digitale).

La nuova carta d’identità elettronica è anche nota con l’acronimo CIE e possiede un microchip a radiofrequenza che serve per memorizzare i vari dati del titolare del documento, in cui sono registrate anche le impronte digitali e la foto digitale, e contiene inoltre il codice fiscale riportato sul retro.

Tra le altre informazioni che sono presenti nella nuova carta d’identità elettronica vi è poi la possibilità di specificare l’intenzione di donare gli organi in caso di morte, oltre ai propri contatti personali come telefono ed e-mail.

La nuova carta d’identità elettronica può essere richiesta presso il proprio comune di residenza una volta che è scaduta quella vecchia in formato cartaceo, o anche in caso di furto, deterioramento o smarrimento. Si può anche prenotare un appuntamento per ottenere il nuovo documento attraverso il sito agendacie.interno.gov.it.

La carta d’identità elettronica verrà inviata a casa entro 6 giorni dalla richiesta e ha una validità di 10 anni per i maggiorenni, di 3 anni per i minori di età inferiore ai 3, e di 5 anni per i minori tra i 3 e i 18 anni. Il nuovo documento costa 16,79, ma a questa cifra si devono aggiungere i costi dei diritti fissi e di segreteria, tra i quali le spese di spedizione, per un prezzo finale di circa 22 euro.