Casapound caccia i vucumprà dalle spiagge di Ostia attraverso delle ronde, ecco il video e la spiegazione del blitz fatto dai militanti di estrema destra. Una vera e propria ronda per le spiagge di Ostia formata da una quindicina di persone riconoscibili da una casacca rossa che invitava i gli abusivi ad allontanarsi, nel video non si sentono le frasi di invito ma si vedono solo alcuni militanti che indicano l’uscita dalla spiaggia con il braccio.

Nel video, pubblicato nei social, si vede Luca Marsella, attivista di Casapound, che dice “I venditori abusivi  oltre a cianfrusaglie di dubbia provenienza, vendono anche bibite facendo concorrenza sleale ai legittimi concessionari delle strutture che invece sono sovente tartassati da controlli di vigili. La nostra è stata un’azione provocatoria contro il M5S e la commissione prefettizia del X Municipio che parlano di legalità ma hanno chiuso chioschi ad Ostia ponente ed abbandonato le spiagge al degrado”.

La vicenda ha provocato delle reazioni abbastanza dure da parte delle autorità politiche, il commissario prefettizio di Ostia Domenico Vulpiani ha chiosato: “Sono atti di forza che non possono essere tollerati: faremo una segnalazione alle forze di polizia”.

Marsella ha risposto tramite un post su Facebook scrivendo: “Il commissario prefettizio di Ostia Vulpiani definisce il nostro blitz contro i venditori abusivi sulle spiagge un atto intollerabile. Io credo che intollerabile sia paralizzare un territorio per due anni e soprattutto che il Comune di Roma con soldi pubblici paghi le utenze a centinaia di immigrati che occupano abusivamente l’ex colonia Vittorio Emanuele e spacciano droga oltre a rifornire i venditori abusivi”.

Gesti come questi vanno ad agitare le già acque in tempesta dell’ordine pubblico di Roma.

Casapound caccia i venditori abusivi dalle spiagge di Ostia VIDEO