Un’industria intera che si ribella e fa causa contro… l’obbligo dell’utilizzo del condom. No, non è uno scherzo, è tutto vero: teatro della storia gli Stati Uniti e più precisamente Los Angeles, California. In guerra ci sono le case di produzione di film pornografici.

I colossi del settore sono tutti attivi nella San Fernando Valley, zona della California da sempre quartier generale di Vivi Entertainment, Califa Productions e tutte le altre case dei questo particolare settore cinematografico. Tutti a fare ricorso davanti ad una corte federale. Motivo? Ritengono che l’obbligo imposto agli attori di girare film sempre “indossando” i preservativi, decisione presa dalla contea di Los Angeles, sia una norma anticostituzionale e contraria alla libertà di espressione del I emendamento.

La norma è stata votata a novembre del 2012. Gli attori, che appoggiano in pieno la guerra portata avanti dalle case di produzione, sostengono che siano più che sufficienti le regole che questo settore di produzione si è auto imposto da sempre, anche perché finora tutto è andato a gonfie vele. L’Aids e le altre malattie veneree sono tutte tenute sotto controllo, secondo loro.. In realtà lo scorso agosto una decina di casi di sifilide bloccò il settore per settimane.