Casillas si discolpa dall’accusa di spia

Iker Casillas vuole smorzare i toni dei quotidiani spagnoli che lo vedono come una spia all’interno dello spogliatoio. secono i quotidiani il capitano della nazionale spagnola remerebbe contro l’allenatore Josè Mourinho.
Il portiere ha voluto smentire tutte queste voci e per farlo ha scelto di pubblicare un post nella sua pagina ufficiale di Facebook: “Hanno detto che non ci sopportiamo: se c’è qualcuno che rispetto più di chiunque altro, quello è il mio allenatore, che ha riportato il Real Madrid sulla strada della vittoria. Negli ultimi mesi, senza volerlo, sono stato coinvolto in varie questioni. Mi hanno dato della spia, sostenendo che sono quello che fa uscire le cose dallo spogliatoio: a questo punto della mia carriera, dopo 13 anni di militanza nel club più importante del mondo, è una cosa che non ha senso. È vero, conosco tutti i giornalisti sportivi, ma da qui a dire che sono io… Mi sembra una conclusione avventata. Si è detto che non festeggio i gol e che sono triste, ma la gente che mi conosce sa che quando prendo un gol mi arrabbio. Si è anche detto che non sostengo il mio compagno di squadra Ronaldo, eppure lo ammiro profondamente”.