Vi sarebbe una svolta nell’inchiesta che sta cercando di far luce sul caso Cucchi, il geometra romano morto in seguito al suo arresto e per cui, da anni, la propria famiglia sta lottando per ottenere giustizia. In base agli ultimi aggiornamenti, sembra che la Procura di Roma sia in possesso dell’audio di una telefonata in cui Anna Carino, ex moglie del carabiniere Raffaele D’Alessandro, nel corso di una lite avrebbe affermato: “Lo hai raccontato tu di quanto vi eravate divertiti a picchiare quel drogato di merda“. La donna si sarebbe riferita al presunto pestaggio che Stefano Cucchi avrebbe subito dopo il suo arresto, nel 2009, e per cui D’Alessandro è stato indagato assieme ad altri quattro colleghi.

Sempre nel corso della telefonata intercettata e ora a disposizione della Procura della Capitale, la donna avrebbe affermato: “Verrà fuori perché quello che hai raccontato a me, lo hai raccontato a tanta gente“. D’Alessandro, al telefono con l’ex moglie, avrebbe però negato di averle fatto quella confessione.

La telefonata intercettata è finita tra la documentazione per l’inchiesta bis che si sta svolgendo sul caso Cucchi. Secondo gli inquirenti che stanno indagando, Raffaele D’Alessandro sarebbe uno dei due carabinieri che avrebbe materialmente proceduto al pestaggio del trentunenne geometra romano Stefano Cucchi, scatenato dal fatto che il ragazzo si sarebbe rifiutato di collaborare nel corso della procedura di fotosegnalamento.