La procura di Benevento continua l’inchiesta sui pagamenti della Asl locale che ha visto l’arresto di quattro imprenditori con l’accusa di aver ottenuto pagamenti irregolari dalla struttura sanitaria. Nei fascicoli dell’inchiesta anche le registrazioni abusive che Felice Pisapia, ex direttore amministrativo della Asl e destinatario di un provvedimento di obbligo di dimora, fece in un incontro a cui era presente anche Nunzia De Girolamo (foto by InfoPhoto). Il ministro delle Politiche agricole, all’epoca deputato e coordinatore provinciale del Pdl, non è indagata dalla procura ma le sue frasi, pubblicate da alcuni giornali, sono all’origine delle polemiche politiche degli ultimi giorni. Tra le espressioni “poco eleganti”, c’è un “mandagli i controlli e vaffa…” riferito all’ospedale Fatebenefratelli di Benevento, il cui bar è gestito da anni da una società amministrata dal marito della zia del ministro.

L’esponente del Ncd ammette gli errori ma si difende: “Ho sbagliato nell’usare espressioni poco eleganti - ha detto il ministro - anche se le ho usate in casa mia e sono state registrate abusivamente e illegalmente da un personaggio che è uno dei protagonisti di quest’inchiesta su truffe alla Asl. Sono più che disponibile a chiarire al più presto in Parlamento gli aspetti di questa sconcertante vicenda che mi vede sottoposta a un linciaggio mediatico senza precedenti pur non essendo io coinvolta nell’indagine. Sono sicura di non aver fatto nulla di irregolare” ha risposto alla richiesta dei deputati del Pd e componenti della commissione Agricoltura Anzaldi e Taricco e i senatori Cantini e Moscardelli che “attendono spiegazioni convincenti”.

Nella nota la Di Girolamo continua: ‘‘Il mio mandato ministeriale è, sin dal primo giorno del mio insediamento, nelle mani del Presidente del Consiglio, ma sono pronta a difendere con tutte le forze che ho in corpo la mia dignità e la mia onestà. Ribadisco di essere vittima di registrazioni abusive in casa mia da parte di chi è stato sottoposto a misura cautelare dalla magistratura per presunti reati commessi nell’Asl di Benevento e di testimonianze raccolte dai giornali da parte di personaggi già noti alle forze dell’ordine e ai giudici. Constato con amarezza che la scala dei valori viene sovvertita e chi è accusato di aver violato la legge viene ritenuto più credibile di chi invece la legge l’ha rispettata”.

Il vicepremier e ministro dell’Interno Angelino Alfano, difende il ministro a spada tratta: “Nunzia De Girolamo, che all’epoca non era neanche ministro, è stata abusivamente e a nostro avviso illecitamente intercettata. E’ una ragazza appassionata che ha sempre lavorato con impegno e rigore, si è battuta per togliere l’Imu agricola.. sono molto indignato e scandalizzato. Se ci fosse qualcosa di penale capirei ma qui siamo di fronte ad una persona che riceve un amico che registra una conversazione”.

LINK UTILI

Rimpasto di governo: Letta risponde a Renzi

Matteo Renzi Governo: “Letta non si fida di me”

Terremoto Abruzzo: ora se ne va anche il sindaco, video

Elezioni regionali Piemonte 2010 annullate: Lega in piazza, “E’ un golpe”

M5S e Carfagna contro De Girolamo: “Valutiamo una mozione di sfiducia”