Sale la tensione tra Italia e Egitto. Dopo aver richiamato l’ambasciatore italiano da Il Cairo in seguito al fallimento del vertice tra magistrati e investigatori che doveva portare a una collaborazione reale per sapere chi ha rapito, catturato e ucciso il ricercatore Giulio Regeni, la Farnesina avrebbe intenzione di sconsigliare formalmente il turismo in Egitto e di sospendere alcuni accordi bilaterali, compresi quelli tra università.

Gli argomenti esaminati dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni nel corso delle consultazioni con l’ambasciatore italiano Maurizio Massari, rientrato domenica in Italia, riguardano proprio questi argomenti, uniti alla richiesta a organismi internazionali come l’Onu o la Banca Mondiale affinché stigmatizzino l’atteggiamento del Cairo riguardo al rispetto dei diritti umani.

Le consultazioni avranno luogo martedì mattina quando il ministro Gentiloni farà ritorno dal G7 in Giappone. Lo scopo è quello di valutare i provvedimenti attuabili in tempi brevi in seguito alla situazione di grave crisi che si è creata dopo il rifiuto degli inquirenti egiziani di fornire documenti del fascicolo d’inchiesta, tra cui i tabulati telefonici relativi alle persone coinvolte nell’indagine.