È agghiacciante la storia che viene da Catania e che vede protagonisti alcuni ragazzini violentati da un “mago” che li ospitava all’interno della sua abitazione. La cosa più grave è che una di queste violenze sia stata perpetrata ai danni di una bambina con la complicità del padre della vittima. Si tratta di una minore, affetta da leggero deficit cognitivo, poi collocata in una comunità, che avrebbe riferito ai sanitari di aver subito, per anni, abusi sessuali da parte del padre e di una persona estranea alla famiglia, meglio conosciuta come “il mago”. Gli inquirenti hanno avuto modo di accertare la “stabile frequentazione di alcuni minori presso l’abitazione” del mago che sarebbero stati sottoposti ad “atti sessuali ad opera dell’indagato”. Un quadro agghiacciante.

Gli inquirenti hanno scoperto che il cartomante avrebbe compiuto, in concorso con un parrucchiere, atti sessuali a danno di altri tre minori. Per questo motivo sono stati tutti arrestati e condotti al carcere di Piazza Lanza di Catania con l’accusa, a vario titolo, di violenza sessuale aggravata, corruzione di minorenne aggravata, sfruttamento della prostituzione minorile, atti sessuali con minorenne e corruzione di minorenne.

Abusi che, di fatto, hanno rovinato per sempre la vita dei minori: la ragazzina, ad esempio, è affetta da leggero deficit cognitivo.