Forse in preda ad un raptus omicida, un uomo di 31 anni ha impugnato un coltello da cucina e poi un matterello colpendo ripetutamente la madre, all’interno di un appartamento nel cuore di Catania. È accaduto stanotte alla presenza del marito della vittima che ha raccontato la dinamica dei fatti agli agenti a seguito di una segnalazione giunta al 113 che riferiva di una violenta lite.

Catania, colpisce la madre alle spalle

Tutto è cominciato quando il giovane avrebbe manifestato alla madre uno stato di ansia e nervosismo, motivo per cui la donna gli aveva preparato una camomilla. Poi il 31enne – inspiegabilmente - si è recato in cucina, accoltellando alle spalle la madre con un coltello di circa 45 cm, come ricostruito dagli inquirenti. Sentendo le urla della donna, il marito, nel tentativo di disarmare il figlio, è stato allontanato con forza dall’abitazione. Intanto il figlio aveva cominciato ad inveire contro la madre con un matterello da cucina, causandole la frattura di alcune costole.

Catania, fugge alla vista della polizia

Successivamente l’aggressore, spaventato dal suono delle sirene delle volanti che stavano giungendo in loco, ha scavalcato dalla finestra della stanza da letto, attraversando i cornicioni e il terrazzo di uno stabile adiacente. Una fuga per i tetti che si è conclusa, dopo una colluttazione con gli agenti, con l’arresto. Adesso il giovane si trova in carcere, con l’accusa di tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale, in attesa dell’udienza di convalida.

La donna, invece, è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Garibaldi dove è stata ricoverata in prognosi riservata con un trauma cranico e alcune costole rotte.