Far West a Catania dove un ispettore della Polizia Municipale è stato aggredito poiché, qualche ora prima, aveva impedito – ad un giovane su uno scooter – l’ingresso in una strada momentaneamente chiusa al traffico (si tratta di via Del Rotolo, nei pressi del lungomare Ognina del capoluogo etneo). Il ragazzo, poco dopo, è tornato in compagnia di un gruppo di amici che hanno preso di mira il vigile colpendolo alla testa con un casco e riducendolo in fin di vita.  Un fatto “grave e inammissibile” ha dichiarato il sindaco di Catania Enzo Bianco: “Sulla legalità ci giochiamo la partita decisiva. O giungla o città civile. Chiedo che siano individuati, arrestati e puniti severamente i delinquenti del raid punitivo” ha scritto su Facebook.

L’ispettore della Polizia Municipale di Catania – che ha riportato un trauma cranico – è in coma farmacologico: stanotte è stato operato per una “seria emorragia cerebrale” all’ospedale Cannizzaro. Intanto la Squadra Mobile indaga sull’accaduto mentre la Procura ha già aperto un fascicolo.

A dare comunicazione della violenta aggressione è stato il sindaco di Catania, Enzo Bianco, su Facebook: “Il nostro ispettore, del reparto Viabilità, impiegato alla chiusura a monte di via del Rotolo, per non aver fatto passare un motorino, ha subito una spedizione punitiva di un gruppo di ragazzi che lo hanno colpito in testa con un casco. È finito a terra e ha perso molto sangue. Insieme alla polizia, stiamo indagando per risalire agli aggressori”.