È agghiacciante quanto accaduto ieri a Catania dove un anziano, nel suo appartamento in via Lecce, ha prima ucciso la moglie a fucilate e poi si è tolto la vita. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, nessuno dei vicini di casa avrebbe udito gli spari né avrebbe notato qualcosa di strano in una coppia di anziani che definiscono molto affiatata. I due uscivano spesso insieme, prima che la donna cadesse provocandosi una frattura che, da qualche settimana, la costringeva a stare a letto.

Catania, la donna era sofferente

Alla base del tragico gesto potrebbe esserci la disperazione dell’uomo di dover badare alla moglie, sofferente. A stupire è che nessuno abbia sentito gli spari, visto che in molti si trovavano all’interno di questo grande stabile nel cuore di Catania. Ad allertare le forze dell’ordine sarebbe stato un familiare delle due vittime stupito dal fatto che marito e moglie non si erano recati ad una visita.

L’arma dell’uomo era legalmente detenuta e i due non avevano mai dato segnali di squilibrio. Anzi. Tutti li descrivono come una coppia perfetta.

Catania, nessun dubbio sulla dinamica dei fatti

Sul posto sono intervenuti gli uomini della Squadra Mobile di Catania diretta da Antonio Salvago, il magistrato di turno ed il medico legale chiamato a far luce su questa tragica vicenda anche se, stando alle ultime informazioni trapelate, non ci sarebbero più dubbi sulla dinamica.