Si chiama Basiglio, il comune del Milanese che consta di oltre 5mila contribuenti il cui 7,6% dichiara redditi lordi superiori ai 10mila euro al mese, ovvero la bellezza di 120mila euro l’anno. A seguire c’è Cusago, sempre in provincia di Milano, dove la quota dei Paperoni raggiunge il 4,8% seguito da Pecetto Torinese con il 4%. Nella top ten figurano Luvinate, a Varese, con il 3,9% ma anche Torre D’Isola, Segrate, Gallate Lombardo e Gavazzana. Insomma, quasi tutti comuni del Nord Italia.

Il 7,6% dei contribuenti guadagna 10mila euro

A far emergere questi dati sono le dichiarazioni dei redditi relative al 2015 di UHY Italy, un network che raggruppa società di consulenza fiscale, revisione e consulenza del lavoro. Tra i capoluoghi di Regione in cui si guadagna di più spicca Milano dove il 3,1% è composto da maxi contribuenti, ovvero una persona ogni 33 ha redditi mensili lordi superiori ai 10mila euro. Ma Milano, si sa, è la città degli imprenditori e dei broker. Al secondo posto c’è Roma con l’1,7% dei contribuenti ricchi; a seguire Bologna, Firenze e Torino. In fondo alla classifica Campobasso, Catanzaro e Potenza.

10mila euro? Un sogno per milioni di italiani

Sono 277mila gli italiani – su oltre 40 milioni – che dichiarano redditi superiori ai 120mila euro lordi all’anno. Pochissimi.