Non c’è bisogno che noi vi si dica come questo non sia un momento propizio per cercare e soprattutto trovare lavoro in Italia. Un’idea potrebbe essere quella di cercare lavoro fuori dai nostri confini. Rivolgendosi non a Eures, portale pubblico europeo, ma a Face4Job, il motore di ricerca italiano specializzato nella ricerca di offerte di lavoro.

Secondo questa startup italiana, le ricerche di lavoro aperte in Europa fino ad oggi sono 19.652.395. Al primo posto come posti offerti ci sarebbe la Russia con oltre 4,3 milioni di profili ricercati, seguita da Germania 3,7 milioni. Più dietro in classifica troviamo il Regno Unito (1,9 milioni di posti vacanti) e strano a dirsi l’Italia (1,3 milioni di posti da occupare).

Questi numeri arrivano dalle rilevazioni compiute dall’algoritmo del portale – per ora tradotto in sette lingue ed attivo in tutta Europa. A queste rilevazioni bisogna aggiungere quelle relative al resto del mondo. Se solo un paio di settimane fa l’algoritmo rilevava oltre 12 milioni di posti di lavoro disponibili al mondo, oggi siamo passati ai 52 milioni.

Tra i settori che offrono più lavoro ci sono i Media – 2,7 milioni di posti di lavoro disponibili -, seguito dall’industria con oltre due milioni di lavoro offerti, e dal settore del retail – 1,6 milioni di posizioni offerte.

Secondo il Ceo di Face4Job, Alessio Rome “i numeri rivelano che, nonostante le crisi, nella vecchia e per molti stanca Europa esiste un movimento di imprese eccellenti, che producono innovazione e fungono da acceleratore dei settori trainanti nelle economie dei singoli Paesi”.

La proposta di questo motore di ricerca è interessante, visto che potrebbe portare ad un rapporto diretto tra candidati ed imprese, scavalcando ogni possibile intermediazione. Chi cerca lavoro può sfruttare questo motore di ricerca per caricare il proprio curriculum, oltre a mettere in evidenza le 10 caratteristiche professionali che lo contraddistinguono.

photo credit: flazingo_photos via photopin cc