Sta facendo il giro del web l’annuncio pubblicato su alcuni siti relativo alla ricerca di una commessa, con un’età massima di 30 anni, residente a Ragusa e “con seria volontà di lavorare” che, però, ed è questo il dato che ha sollevato il polverone, non deve essere “né sposata né convivente” si legge. Parla di “direttive aziendali” il responsabile del negozio, contattato da Repubblica.it, che dunque conferma la notizia ma non è in grado di fornire ulteriori dettagli, considerando che la decisione non spetta a lui. Sembra, dunque, che l’azienda non voglia donne distratte da impegni familiari come figli o fidanzati e che, quindi, preferisca commesse single. Chi manderà un curriculum, tra l’altro, farà un colloquio direttamente con i vertici dell’azienda senza passare, di fatto, dai responsabili del punto vendita di Ragusa.

Solo commesse single, disoccupazione al 23%

Secondo gli ultimi dati Istat, la disoccupazione femminile in Sicilia è al 23,3%, al terzo posto dopo Calabria e Campania che detengono il record negativo. La disoccupazione generale in Sicilia, invece, è al 20,4%. Secondo la Cgil, tra l’altro, retribuzioni uguali tra uomini e donne garantirebbero un aumento del 7% del Pil nazionale. Ancora oggi, dunque, le donne guadagnano meno dei loro colleghi uomini. Senza alcun motivo.