Il Cersaie 2013, ci lascia con le sue novità in ogni campo espositivo. L’analisi delle rubinetterie, è da affiancare alle novità, che davvero possono definirsi tali, nelle aziende di sanitari. Tra questi, pongo l’attenzione su due aziende di primo piano: Devon&Devon e Ceramica Flaminia.

Devon&Devon propone a Bologna, alcune novità, che vanno ad arricchire il suo già lussuoso catalogo prodotti. Dalla rivisitazione del modello Aurora, nasce Aurora Bijoux; della serie madre conserva le modanatura lungo la parte alta, e si presenta sempre con doppio schienale rialzato. Un nuovo elemento invece viene inserito. La vasca, sempre freestanding, che viene sollevata da terra grazie all’inserimento di quattro sfere di alluminio cromato lucido. Le sfere si pongono come elemento strutturale autodecorativo, e le danno un carattere meno severo, conferendole dinamicità e un pizzico di ironia. In alternativa al cromo lucido, le sfere possono essere oro chiaro e rame antico.

La vasca è realizzata in White Tec, una miscela  finemente lavorata che grazie a  particolari processi di pigmentazione, rende possibile la colorazione della vasca non solo bianca, ma anche cream.

 Flaminia-nile

Ceramica Flaminia invece, presenta la nuova Nile, progettata e sviluppata da Patrick Norguet, che dal 2007 collabora con la prestigiosa azienda di sanitari, firmando alcune delle serie di maggior successo.

Una serie completa, formata da lavabo, bidet e vaso, si presenta come vera figura geometrica con la rigidità che un volume geometrico rappresenta, ma alleggerita grazie alla forma sinuosa tipica della ceramica. Angoli stondati, e superfici lisce perfettamente regolari, danno vita ad una forma plastica gradevole.

Norguet forgia una linea semplice ed elegante allo stesso tempo, spogliata di ogni elemento curvo persino nell’innesto della tubazione di scarico, dando così un effetto di vera massa nuda dolcemente stondata negli angoli, che può tranquillamente vivere ogni tipo di ambiente in cui è inserita.