Notte di sangue a Chieti dove un 40enne è stato ucciso con un collo di bottiglia a seguito di una lite, scaturita per futili motivi, con un altro uomo. La vittima si chiamava Fausto Di Marco che è stato ucciso davanti ad un kebab di Chieti, in una zona frequentata soprattutto da giovani studenti universitari. La polizia, dopo poche ore, ha tratto in arresto il presunto colpevole, un 24enne che, adesso, è accaduto di omicidio volontario e che, stando alle prime informazioni trapelate, avrebbe ucciso Di Marco per futili motivi.

Ucciso con una bottiglia per un apprezzamento su ragazza

E’ possibile, infatti, che il presunto omicida abbia deciso di uccidere il 40enne di Chieti a seguito di un apprezzamento su una ragazza. Così sarebbe scoppiata una violenta lite, alla presenza di molte persone, e la vittima sarebbe stata colpita con un collo di bottiglia, morendo quasi sul colpo. I fatti sono avvenuti intorno alle 4.30 di notte, nella zona di Chieti Scalo; a dare l’allarme sono state alcune persone che hanno notato il corpo della vittima per terra, ormai in fin di vita.

Solo grazie ad una testimonianza (su 30 persone interrogate in Questura) è stato possibile risalire al presunto aggressore che adesso è stato fermato dai militari con l’accuso di omicidio.