Migliaia di agenti di Polizia sono stati impegnati in questi giorni nell’operazione Città Sicure che ha coinvolto 13 centri del nevralgici del Paese. Migliaia di agenti impegnati in tutta Italia, con controlli, posti di blocco, 50 arresti e 128 persone denunciate per vari reati: è il bilancio dell’operazione “Città sicure” della polizia, che si è sviluppata in tre giornate (da lunedì 7 a mercoledì 9 agosto) in 13 città su tutto il territorio nazionale, da nord a sud, Torino, Padova, Brescia, Milano, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Cosenza, Catania e Palermo. Operazione che ha visto il concorso, delle Squadre Mobili e delle Volanti delle 13 Questure interessate, il massiccio supporto degli equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine, nonché della Polizia Scientifica per la rilevazione di impronte digitali e\o biologiche.

In totale sono stati impiegati 1.695 equipaggi, pari a 3.658 poliziotti, sono stati effettuati 1.294 posti di controllo, verificate 12.787 persone. L’operazione ad “alto impatto” è stata coordinata dal Servizio Controllo del Territorio della Direzione Centrale Anticrimine, per contrastare in particolare i furti in casa.

Gli agenti della stradale hanno  hanno consentito di controllare, nei tre giorni dell’operazione, 55.997 autovetture delle quali 52.556 con sistema automatizzato e 3.441 con sistema manuale. L’operazione ha avuto “interessanti risultati operativi” grazie alla presenza sul territorio di un consistente numero di pattuglie ed ai capillari e mirati controlli effettuati.