Prossima fermata: Tokyo.

Il treno preso da Cividini punta infatti ad Oriente, con l’apertura di un nuovo shop in shop nella metropoli giapponese.

Scelta non casuale, se si pensa che ad oggi il 25% del mercato globale della maison è coperto proprio dal Giappone.

Così, presso il celebre Department Store Matsuya sventola una nuova bandiera tricolore: con il corner aperto nell’esclusivo quartiere di Ginza sale infatti a 17 il numero degli spazi dedicati a Cividini in terra nipponica.

Se merito è tutto della maison di moda pret à porter made in Italy, è anche vero che questa espansione in Oriente è frutto di una collaborazione di ormai lunga data con Misaki.

Cividini può infatti contare, oltre che sulla “forte percezione del brand” per cui “il consumatore giapponese è molto attento al valore intrinseco dei capi, alla loro fattura artigianale e alla purezza del loro design”, anche su un di un partner locale che ha permesso “di ampliare il numero degli speciality stores in cui essere presenti e conquistare maggior visibilità”, come ha spiegato Piero Cividini.

Non resta quindi che rimanere in attesa per scoprire quali siano le prossime mete a cui Cividini punta per portare alta la bandiera del made in Italy nel mondo. O meglio, in Oriente.