Premetto: le classifiche su internet sono tutte discutibili. Aggiungo: le classifiche su internet hanno sempre fatto discutere. Ricordo le “guerre” che esplodevano online ai tempi della mitica classifica di Blogbabel. Quelli erano bei tempi (direbbe mia nonna…).

E rincaro la dose: una classifica vale solo se ben studiata. Non mi permetto di giudicare quella di Les Cahiers, ma ho qualche appunto da fare. Non faccio nomi, ma alcune posizioni sono clamorose. Inoltre spariscono delle blogger. Oggi (classifica di settembre 2013) hanno escluso Nunzia Cillo e Sabrina Musco (insieme anche a Alessandra Nido e Alessandra Pepe) in quanto entrate nel circuito Leonardo.it. Sì, proprio il nostro. Non scrivo per difendere il brand, ma per cercare di capire quale volo pindarico faccia il pensiero della ciurma di Les Cahiers. Quelli di Nunzia e Sabrina restano blog indipendenti, le ragazze continuano a fare quello che hanno sempre fatto. Oggi però hanno il supporto di una concessionaria. Insomma, hanno un team alle spalle. Per questo motivo non possono più restare in classifica.

Ma c’è qualcosa che non mi torna: alcune blogger presenti in classifica hanno un’agenzia che le segue. Almeno un paio hanno un team nato esclusivamente per gestire la loro immagine. Loro però meritano di restare in classifica. Che differenza c’è?

E ancora: chi si butta nel commercio elettronico, insomma chi fa e-commerce, esce dalla classifica. Sono davvero perplesso: vogliamo dare a tutte le fashion blogger la possibilità di guadagnare? O devono guadagnare solo le solite note?

Chiudo con un consiglio ai cari amici di Les Cahiers: cancellino dalla classifica tutte le blogger che vogliono, però rispettino il desiderio di tutte. Ci sono due ragazze che da tempo affermano di non essere fashion blogger. Basta cercare su Google per trovare le dichiarazioni precise. Per coerenza vanno escluse. Sempre che qualcosa di coerente ci sia veramente in questa classifica. Saluti.

Silvio De Rossi su @Twitter e @Facebook

[Se avete voglia date un'occhiata a Blogger Inside: è una rubrica nonsense, nata senza un senso (appunto, nonsense) apparente. Chiedo scusa a tutti quelli che hanno le idee sempre (troppo) chiare. Peace]