[AGGIORNAMENTO ore 20:10]: si sarebbe trattato di un falso allarme quello riguardante la presenza di una donna armata in alcuni uffici governativi di Colonia. È stato poi scoperto che l’uomo arrestato in un’operazione separata era un richiedente asilo siriano ricercato perché avrebbe minacciato i suoi compagni ospiti in un centro di accoglienza. Gli altri quattro fermati e poi rilasciati avrebbero fatto parte dello stesso gruppo.

Ancora tensione in Germania, dove a Colonia è in corso un’operazione di polizia in un ufficio governativo del ministero del Lavoro.

Le informazione della stampa locale assicurano che le forze dell’ordine sarebbero state chiamate a causa della segnalazione della presenza di una donna armata di una pistola che si starebbe aggirando per l’edificio.

La polizia ha isolato e fatto evacuare la struttura sita nel quartiere Sulz di Colonia, mentre alle persone ancora all’interno è stato mandato un messaggio in cui si chiedeva loro di non uscire dai loro uffici.

Secondo gli ultimi report sarebbero in tutto cinque le persone che sono state arrestate nel blitz della polizia, ma alla notizia manca ancora l’ufficialità. Sembra poi che quattro tra queste siano state subito rilasciate.

Secondo un portavoce della polizia l’operazione ha avuto luogo mentre gli uomini delle forze dell’ordine stavano arrestando un altro sospetto in un caso del tutto differente; in quel momento testimoni hanno segnalato la presenza della donna che vagava armata per gli uffici.

Le informazioni che stanno circolando intorno a un allarme bomba sarebbero invece del tutto false e prive di fondamento. Proprio oggi la cancelliera Angela Merkel aveva affermato di voler adottare nuove misure di sicurezza dopo i recenti casi di terrorismo, pur senza fare dietro front in merito alle politiche di accoglienza che le sono state contestate sia dalla destra che dalla sinistra