I talebani hanno sferrato un attacco vicino a Kabul, in Afghanistan, e uno dei razzi lanciati dai terroristi è caduto molto vicino all’ambasciata italiana presente nella capitale del Paese. Lo scoppio è avvenuto attorno alle 21:30 locali (le 18:00 italiane) sulla Shash Darak Road. L’ordigno ha ferito due guardie di sicurezza afghane. Il lancio di razzi non era dunque diretto sull’ambasciata italiana e l’attacco ha interessato solo indirettamente l’edificio. Nella stessa area sarebbe presente però anche un edificio della Nato in cui, sempre a causa dei razzi caduti, sarebbe poi stato interessato dallo scoppio di un incendio.

Dall’ambasciata italiana hanno già tranquillizzato tutti. Luciano Pezzotti, l’ambasciatore del nostro Paese in Afghanistan, ha confermato che tutto il personale sta bene e che vi sono danni che per ragioni di sicurezza si potranno valutare solo nella giornata di domani. L’ambasciatore ha anche confermato il ferimento delle due guardie afghane: entrambe non sono gravi e attualmente sono ricoverate in ospedale, per ricevere tutte le cure del caso. La zona colpita è poi stata isolata, per ragioni di sicurezza.

I talebani, nel frattempo, hanno rivendicato l’attentato che ha interessato indirettamente anche l’ambasciata italiana. La conferma della rivendicazione sarebbe stata data dalla stampa locale.