Un’esplosione insana di gelosia si è conclusa con le coltellate alla moglie e all’amante di lei. E’ accaduto a Roma, nella sede Inps di Cinecittà. Il duplice omicidio è stato commesso in ascensore. Al loro arrivo, i carabinieri hanno trovato Mauro Micucci, 57 anni (informatico dipendente dell’ente pensionistico) immobile, sporco di sangue e con un coltello in mano davanti a due cadaveri: quello della moglie Daniela Nenni, 49 anni, anche lei dipendente, e di Alessandro Santoni, 38 anni, tecnico di una ditta esterna. Secondo le prime informazioni, sarebbe stato lo stesso Micucci a chiamare il 112, confessando all’operatore di avere commesso il delitto, spiegando che le due vittime erano amanti e le ha uccise dopo averli scoperti insieme in ascensore. Successivamente, durante l’interrogatorio, avrebbe raccontato di essere ossessionato dalla relazione che la moglie aveva con Santoni. Le indagini per accertare la dinamica dei fatti sono in corso.

Foto: Flооd via photopin cc