Come cambia l’espressione del volto di una persona che viene ripresa senza veli? Claudio Cravero, un fotografo torinese, ha voluto fare questo esperimento nel suo progetto denominato “Nudi“.

Inizialmente il professionista si è cimentato con degli amici ma poi, grazie al passaparola, molte altre persone si sono offerte come modelli aderendo al progetto. Cravero accoppia due scatti del volto della persona in questione in cui in una è vestita e nell’altra è completamente nuda.

Per eliminare qualsiasi barriera psicologica il professionista scatta le foto direttamente a casa del modello per metterlo completamente a suo agio. La regola principale è che sono solo due le foto scattate, le prime in assoluto, perchè se il fotografo avesse a disposizione più immagini poi le sceglierebbe secondo il suo gusto personale e artistico.

Durante la mostra di Cravero, ogni visitatore ha potuto cimentarsi nell’osservare le decine di dittici decretando con una X gli scatti di persone presumibilmente senza veli. Con la collaborazione degli spettatori il fotografo ha avviato in parallelo una ricerca psicologica facendo analizzare i dati raccolti ad un team di medici specializzati per stabilire come cambia la mimica facciale in base a sentimenti come l’imbarazzo e la vergogna.