Com’è stato ampiamente anticipato, la prima tornata di votazioni del conclave 2013 si è risolta con una fumata nera, uscita poco prima delle 19.45 dall’apposito comignolo: i 115 cardinali rinchiusi nella Cappella Sistina non hanno ancora deciso chi è il nuovo Papa.

La procedura prevede che vengano effettuate due votazioni alla mattina e due al pomeriggio, fino a quando non verrà raggiunta una maggioranza di due terzi. Fino a che non sarà avvenuta l’elezione, ci saranno due fumate nere al giorno, intorno alle 12 e alle 19. Nel momento in cui il Papa verrà eletto, la fumata bianca è prevista tra le 10.30 e le 11 se durante le votazioni mattutine, oppure tra le 17.30 e le 18 se in quelle pomeridiane.

Nella messa “pro eligendo” celebrata oggi, il decano del collegio cardinalizio, Angelo Sodano, ha ringraziato espressamente Benedetto XVI durante l’omelia. Sodano ha poi aggiunto: “Tutti noi dobbiamo collaborare ad edificare l’unità della Chiesa”.

Successivamente i cardinali hanno pronunciato il giuramento prescritto per il conclave. Dopo di che è stato pronunciato da monsignor Guido Marini, maestro delle cerimonie, il rituale extra omnes, “fuori tutti”, in cui tutti coloro che non fanno parte dei cardinali elettori hanno lasciato la Cappella Sistina; Marini ha quindi chiuso la porta. Qui sotto il video della prima fumata nera.

CONCLAVE 2013: LE SCHEDE DEI CARDINALI FAVORITI