Quando si attende qualcosa a lungo, e nel frattempo non accade nulla, anche i dettagli in altre situazioni insignificanti acquisiscono un loro peso. Nel pomeriggio del secondo giorno di conclave, in attesa della terza fumata, sul comignolo papale si è posato per diversi minuti un gabbiano. Evidentemente doveva avere con sé almeno uno smartphone, poiché in questo arco di tempo sul social network Twitter è stato creato un profilo a suo nome: @SistineSeagull, “il gabbiano della Sistina” in inglese.

Ed è riuscito a raccogliere intorno a sé migliaia di follower. Fra i “suoi” tweet, uno in cui si lamenta del “traffico” aereo dal Colosseo a San Pietro, perché i piccioni “non sanno volare”. In un altro sceglie come favorito il “cardinale zombie Richelieu”. In un altro, ricordando che in passato ci hanno messo anche tre anni a scegliere un Papa, dice che è pronto a costruire un nido, se necessario.