La Costa Concordia ha portato a termine il suo ultimo viaggio ed è finalmente attraccata al porto di Genova. Le operazioni si sono concluse intorno alle 17 di ieri, con la grande soddisfazione di tutto il gruppo di lavoro guidato da Nick Sloane. Si chiude così il triste destino di questa nave, che ora verrà completamente smantellata (sarà anche possibile cercare di ritrovare il corpo dell’unica vittima mai recuperata, Russell Rebello, giovane cameriere indiano) e il cui acciaio sarà quasi del tutto riutilizzato.

Presente all’arrivo della Concordia a Genova anche il Premier Matteo Renzi, in compagnia della moglie Agnese e di una delle loro figlie. Secondo il Presidente del Consiglio, la sua presenza alla conclusione delle operazioni non è motivo di festa ma motivo per ringraziare e aggiunge che si tratta di: “Un nuovo inizio che si porta nel cuore un dolore che non si può cicatrizzare, ma che dà speranza per quanto siamo stati capaci di fare“. Sempre secondo Renzi, la vicenda della Concordia può essere letta in chiave metaforica: “Non bisogna rassegnarsi al declino, l’Italia può ripartire“.

Ad attendere la Concordia al porto di Voltri anche tantissimi genovesi e turisti. La folla accorsa ha fatto registrare anche alcuni rallentamenti sulla A10, davanti alla zona in cui si sono svolte le operazioni di attracco. Alcune persone hanno deciso di godersi la vista addirittura salendo sulla Lanterna.