Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha indetto una conferenza stampa a Palazzo Chigi per annunciare le ulteriori novità in merito alla riforma della Pubblica Amministrazione, scuola compresa. Il Premier ha annunciato un concorso per 62.712 insegnanti (“Un grandissimo investimento“, così come lui stesso l’ha definito).

Il prossimo concorso per la scuola, a detta del Presidente del Consiglio, selezionerà i candidati in base alla qualità, richiesta sotto tutti i punti di vista. Il Premier spera che gli insegnanti selezionati riusciranno poi a coprire le cattedre a partire dal mese di settembre e che nel giro di due o tre al massimo si possa dire addio alle supplenze.

Ad offrire maggiori dettagli tecnici sul concorso per la scuola è stata la Ministra dell’Istruzione, Stefania Giannini, che ha chiarito in parte l’iter attraverso cui si svolgeranno le selezioni. Arriveranno tre bandi di concorso entro la prima settimana del mese di febbraio 2016, le prove scritte saranno computerizzate (ma non si tratterà di quiz) e almeno un quarto delle domande a cui bisognerà rispondere sarà in lingua straniera. Questi sono soltanto i primissimi dettagli sul nuovo concorso: per ulteriori informazioni si dovranno attendere i bandi.

A competere per gli oltre sessantaduemila posti a disposizione saranno più di duecentomila candidati da tutta Italia (numero stimato dal Ministero). E secondo Matteo Renzi mai nessun governo, in passato, sarebbe intervenuto con un investimento tale nella sistema scolastico italiano.