Il nostro vocabolario vanta più di 47mila lessemi, nel nostro linguaggio parlato, però, ne utilizziamo poco più di 400, perdendo così un patrimonio culturale importantissimo. La rubrica Le parole sono importanti ha l’intento di riesumare i vocaboli che, pian piano, stanno cadendo in disuso come

CONTUMELIA: parola, frase o espressione dal significato apertamente offensivo, pronunciata per maleducazione e villania o allo scopo di insultare od oltraggiare; ingiuria.

Una contumelia indica il mezzo e per estensione la volontà precisa del disprezzo infatti la parola è un composto di [cum] mezzo e [temno] disprezzo. Non è, quindi, una generica offesa, un vago essere sgarbato, ma è una ingiuria detta appositamente per colpire chi si ha di fronte.

Ad esempio:

“L’ho ricoperto di contumelie”

“Il mio ex-fidanzato mi ha riempito di contumelie”

LINK CORRELATI:

Cosa vuol dire “ossimoro”?

Tutti pronti a “baloccarsi”

Quando un vocabolo è palindromo

Scopri il significato di “idiosincrasia”

Cosa vuol dire “dovizia”?

Alla riscoperta dell’aggettivo “adamitico”