Una coppia gay russa ripresa in un momento d’intimità: è con questo scatto che il fotografo danese Mads Nissen si è conquistato l’ambito titolo di , un riconoscimento per i fotoreporter di tutto il globo. Un’immagine parte di un più ampio progetto, per testimoniare il problema dell’omofobia in Russia e i suoi effetti sulla popolazione LGBT locale.

La fotografia riprende due innamorati, Jon e Alex, durante un momento di intima confidenza in quel di San Pietroburgo. Secondo il fotografo, come già anticipato attivo nel progetto “Homophobia in Russia”, si tratta della «storia di moderni Romeo e Giulietta»: due innamorati il cui amore viene costantemente sfidato da forze esterne che ne vogliono limitare il sentimento.

L’immagine, nella sua delicatezza, vuole essere contrasto ai numerosi contenuti che purtroppo oggi riempiono i social network, non solo in Russia. Non capita di rado che le pagine di cronaca riportino di vere e proprie spedizioni punitive ai danni di individui omosessuali, vittime di violenze e di soprusi regolarmente ripresi in video, per poi essere esposti al pubblico ludibrio del Web. Una forma di comunicazione aggressiva che è anche propaganda, con corrispondenza anche nel terrorismo. «Oggi i terroristi usano immagini forti per propaganda», ha spiegato il membro della giuria Alessia Glaviano, «dobbiamo rispondere con qualcosa più sottile, intenso e riflessivo».

Oltre al problema dell’omofobia, sono molti i temi che hanno caratterizzato l’ultimo anno in fotografia. Dal virus Ebola ai conflitti in Ucraina e in Siria, passando per i Mondiali di Calcio in Brasile.

Così come riporta l’Associated Press, l’edizione di quest’anno del World Press Photo è stata anche l’occasione per riflette sul photoediting, sia in termini di vantaggi che di svantaggi per i fotoreporter. Sembra che il 20% delle sottomissioni sia stato rifiutato per eccessivo ritocco: secondo gli organizzatori, i fotografi devono trovare un “terreno comune” per definire fin dove ci si possa spingere con la post-produzione.

Fonte: Associated Press