Era ormai da settimane che la notizia circolava sul web ma finalmente Alessia Vittoria Cozzi e Davide Martino, la coppia trans formata da un lui diventato lei e da una lei diventata lui si sono sposati con rito civile ad Orbetello, in provincia di Grosseto. Come da tradizione Alessia ha indossato  il bianco abito da sposa anche se i due si sono dovuti unire in matrimonio con i loro veri nomi, promettendosi di sposarsi di nuovo una volta cambiati i rispettivi sessi e i nomi all’anagrafe.

Ventiquattro anni lei e 19 lui, i due giovani sin dall’infanzia hanno sempre rifiutato il corpo in cui erano nati: Alessia, originaria di Orbetello, sognava di poter diventare un giorno Alessio e Valentina, di Gallarate, voleva realizzare il suo sogno di diventare Davide. I due ragazzi si facevano chiamare così già fin dal loro primo incontro, quando per la prima volta si sono visti e innamorati l’uno dell’altra. Un grande amore e un destino comune, quello del lungo e difficile percorso che insieme hanno affrontato per diventare chi sono oggi, quel sofferto viaggio per cambiare sesso e sentirsi finalmente felici all’interno del corpo che volevano e sentivano da sempre. Insieme hanno unito due percorsi iniziati singolarmente ma terminati uno al fianco dell’altro.

Dopo il matrimonio, celebrato con rito civile di fronte ad amici e a parenti, Alessia e Davide partiranno per l’Ucraina, dove avranno la possibilità di mettere al mondo un figlio con madre surrogata. I due, grazie al padre di Davide, che ha pagato 30 mila euro, hanno già preso accordi in una clinica a Kiev e, attraverso l’utero in affitto, realizzeranno finalmente il loro grande sogno: quello di avere un bambino. Come riportato da Il Tirreno, Alessia ha raccontato: “Abbiamo già preso accordi con la clinica di Kiev. Ad aprile andremo in Ucraina per le prime visite. Prima ancora andremo dall’endocrinologo per stoppare temporaneamente la terapia ormonale che abbiamo intrapreso quando abbiamo deciso di cambiare sesso. Il bambino o la bambina o addirittura i bambini dato la presenza di gemelli sia nella mia famiglia che in quella di Davide sarà nostro figlio a tutti gli effetti dato che per la fecondazione saranno usati il mio liquido seminale e gli ovuli di Davide”.