Ci risiamo. Kim Jong-un autorizza il lancio di un nuovo missile balistico da Kusong City, nella zona occidentale della Corea del Nord: a riferirlo sono fonti sudcoreane. Per il presidente della Corea del Sud, infatti, il test sarebbe una “chiara violazione delle risoluzioni dell’Onu” oltre che una “grave minaccia alla sicurezza regionale”. Ha assicurato, poi, che Seul tratterà in modo rigoroso “le provocazioni per assicurare che non ci siano errori di calcolo”.

Corea del Nord, tensione con Donald Trump

Un clima di tensione che coinvolge, oltre alla Corea del Sud, anche Giappone e soprattuto gli Usa con Donald Trump pronto ad intervenire. Nelle ultime settimane, tra l’altro, si era aperta una finestra di dialogo tra i due presidenti, quello americano e quello della Corea del Nord, che si sarebbero potuti incontrare, per la prima volta, “alle giuste condizioni”. Stando così le cose, con l’ennesima provocazione, Trump potrebbe chiudergli le porte in faccia per sempre.

Corea del Nord, missile caduto vicino alla Russia

Il missile, fanno sapere fonti autorevoli, sarebbe caduto molto vicino al territorio russo. “Immagino che Mosca non sia contenta” è stato il commento del presidente Donald Trump che, infine, ha sottolineato come quest’ultima provocazione di Kim Jong-un dovrebbe spingere tutte le nazioni ad infliggere sanzioni severe alla Corea del Nord.