Sale la tensione tra gli Usa e la Corea del Nord. Il presidente americano Donald Trump è passato dalle parole ai fatti attaccando l’Afghanistan con la “madre di tutte le bombe”: un vero e proprio avvertimento per la penisola coreana che, qualora dovesse effettuare altri test nucleari, dovrà vedersela con gli americani. “Risponderemo ad una guerra totale con una guerra totale e ad una guerra nucleare con il nostro stile di un attacco nucleare” ha dichiarato Choe Ryong-hae, ufficiale della Corea del Nord, nel corso della parata nazionale di Pyongyang. La tv di stato, in questa occasione, ha mostrato una serie di missili intercontinentali KN-08 e KN-14.

Corea del Nord pronta alla guerra contro gli Usa

Secondo Choe, ufficiale coreano, a creare una “situazione di guerra” sarebbe stato il presidente americano Donald Trump avendo inviato mezzi militari nei pressi della penisola coreana.

Nel corso della parata di ieri, oltre alla sfilata dei missili intercontinentali, sono stati mostrati un grande razzo mai visto prima d’oggi ma anche carri armati, pezzi d’artiglieria, lanciarazzi multipli e un missile a combustile solido. Presente persino il missile a medio raggio “Musudan” che, con la sua potenza, sarebbe in grado di raggiungere le basi aeree americane nel Pacifico occidentale.