Non finiscono le provocazioni di Kim, il capo della Corea del Nord che avrebbe lanciato un nuovo missile dalle coste occidentali del suo Paese raggiungendo le acque del Giappone. A rivelarlo è il segretario del capo di gabinetto del governo di Tokyo, Yoshihide Suga, aggiungendo che il test missilistico sarebbe stato effettuato alle 9.40 locali, ovvero alle ore 3.20 italiane. Un missile che avrebbe viaggiato per circa 40 minuti prima di arrivare nel Mar del Giappone, scatenando l’ira del presidente americano Donald Trump che ha invitato la Cina a farsi avanti, a “fermare questo nonsenso una volta per tutte”. La Cina, infatti, è uno dei pochi Paesi ad intrattenere buoni rapporti con la Corea del Nord, l’unico che può mettere fine – con la diplomazia – alle “follie” di Kim.

Corea del Nord, il duro attacco di Trump

“Pechino agisca con decisione contro la Corea del Nord. Questo tizio non ha niente di meglio da fare? Difficile credere che Corea del Sud e Giappone possano sopportare a lungo questa situazione” ha dichiarato il numero uno della Casa Bianca su Twitter. “La minaccia di Pyongyang diventa sempre più pericolosa” è, invece, il commento del premier giapponese Shinzo Abe. Tra Corea del Nord e Giappone – è doveroso ricordarlo – non ci sono mai stati buoni rapporti.

L’esercito della Corea del Sud, comunque, rimane in stato di allerta per fronteggiare ulteriori provocazioni da parte della Corea del Nord.