Il segretario alla Difesa americano Mattis annuncia che se la Corea del Nord proverà ad attaccare gli USA con i missili sarà una dichiarazione di guerra. Secondo quando racconta l’America qualsiasi missile nordcoreano diretto contro gli USA sarebbe visto ed eliminato dalle tecnologie anti-missilistiche, qualsiasi attacco da parte di Pyongyang potrebbe portare alla guerra. Non ha tardato a rispondere al mittente il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, che prima di lanciare missili verso Guam guarderà “un altro po’ il folle e stupido comportamento degli yankee”.

“Se sparassero contro gli Stati Uniti, questo potrebbe portare alla guerra molto velocemente, si si chiama guerra se ci sparano” ribatte a stretto giro Mattis. La scorsa settimana Kim Jong-un aveva minacciato di voler lanciare quattro missili contro il territorio di Guam che è protetto dagli USA e Pyongyang ha provocato l’America dicendo: “Per disinnescare le tensioni e prevenire il pericoloso conflitto militare nella penisola coreana è necessario che gli Stati Uniti facciano innanzitutto scelte adeguate e le traducano in azioni, in quanto hanno compiuto una provocazione con l’introduzione di enormi attrezzature strategiche nucleari in prossimita’ della penisola”.

La tensione tra Nord Corea e USA non si allenta, il Presidente Trump non è intervenuto sulla questione nelle ultime ore.