Vi avevamo parlato del seminario ‘Conciliare Sicurezza Marittima e sviluppo del trasporto passeggeri’ organizzato all’isola del Giglio in occasione del quale le più importanti istituzioni si sono incontrare per cercare di fornire soluzioni intelligenti e realizzabili in grado di rendere i viaggi in mare più sicuri.

Al termine di questo incontro, sono state stipulate cinque proposte:

Per imporre ai porti di organizzarsi al fine di gestire correttamente raccolta dei rifiuti e la depurazione delle sostanze reflue, si è pensato di istituire una normativa europea

Controllare il flusso di navi a medio e grande cabotaggio, in particolare per quelle passeggeri e di trasporto merci pericolose e inquinanti, e imporre importanti sanzioni per coloro non ne rispettano l’organizzazione

Installare strumenti di controllo, come radar o satelliti, per osservare le aree marine protette così da mantenere sotto controllo eventuali sversamenti di inquinanti in mare, ma anche per garantire maggiore sicurezza.

Maggiore scambio di informazioni tecniche e previsioni meteo-marine tra le autorità competenti, così da poter tenere maggiormente sotto controllo la situazione in mare

Elevare gli standard di sicurezza grazie ad un Fondo Europeo da costituire.