La Commissione UE sempre convincersi sempre più del potenziale economico del mondo della nautica e, in questo senso, sta operando per permettere a questo settore di crescere anche in questo periodo di crisi.

Per farlo ha deciso di adottare il piano ‘Crescita blu’, una strategia sul lungo periodo che mira allo sviluppo del settore marittimo e marino che forniscono in generale 5,4 milioni di posti di lavoro per un totale di 500 miliardi di euro di valore che potrebbero essere 600 miliardi entro il 2020.

Non si tratta dunque di briciole, ma di un mercato che non può più permettersi di rimanese in secondo piano.

Per agevolare dunque questi settori, la Commissione Ue sta lavorando per rendere i lavoro degli addetti più semplice, riducendo gli ostacoli attualmente presenti e promuovendo la ricerca e l’innovazione puntando, soprattutto, sulle Piccole e Medie Imprese che spesso sono in grado di proporsi sul mercato con idee innovative.

Non ci si può dunque dimenticare dell’ambiente e delle biodiversità, ecco perché, a questo proposito, si sta pensando allo sviluppo di piani di tutela efficaci che si avvicinino anche al mondo dell’energia rinnovabile e pulita.