Secondo la cromoterapia, i colori aiuterebbero a ritrovare il naturale benessere. Questa pseudoscienza studia infatti il significato dei colori, le sue specifiche funzioni e gli effetti che producono su corpo e psiche, così da sfruttarli al fine di alleviare i disturbi psicosomatici e riportare l’organismo a una condizione ottimale di equilibrio e benessere.

Le proprietà terapeutiche dei colori erano note già nell’Antico Egitto, dove ad ogni colore era associato un nome che ne evidenziava la funzionalità (il nero – KeM – è così simbolo di fertilità, il rosso – DeSHeR – è simbolo di sangue e fuoco, ecc.). Anche in India, quella della cromoterapia è una pratica nota da tempo e, in particolare, utilizzata per riequilibrare i chakra, centri energetici associati alle principali ghiandole del corpo. Ad ogni colore vengono infatti associate particolari proprietà, in grado di agire in modo specifico su alcune sfere della psiche e particolari organi del corpo:

Il VIOLA è il colore della transizione, della metamorfosi, dell’unione degli opposti. È associato al settimo chakra ed è indicato per la meditazione profonda. A livello fisico, stimola l’attività di milza e sistema linfatico ed è quindi indicato per problemi di cellulite, nevralgie e crampi. Per quanto riguarda invece gli effetti sulla psiche, il viola stimola l’emisfero destro, deputato alla creatività e alla spiritualità; agisce inoltre migliorando la sovraeccitabilità e i disturbi del sonno. E’ invece controindicato in caso di depressione e difficoltà di concentrazione.

L’INDACO è il colore dell’ascolto interiore. È associato al sesto chakra e risulta indicato per patologie legate agli organi sensoriali; aiuta in caso di ipertiroidismo ed è in grado di alleviare le paure ossessive e gli eccessi legati all’abuso di alcol e droghe.

Il BLU è associato a calma e tranquillità. E’ legato al quinto chakra e alla sfera della comunicazione e dell’ascolto del proprio intuito. A livello fisico agisce abbassando la pressione arteriosa e regolando i flussi respiratori (per questo si crede molto adatto alla camera da letto). Ha inoltre un’azione antisettica e antiinfiammatoria; seda gli stati febbrili e i dolori acuti. Sulla psiche agisce come sedativo del sistema nervoso e aiuta a combattere problemi di insonnia e ansia.

Il VERDE è il colore della perseveranza e dell’equilibrio ed in esso si esprime il concetto di relazione con sé stessi e di autostima. E’ inoltre il colore deputato al ripristino delle funzioni fisiche: ha effetto tonificante, rinfrescante e rilassante; allevia lo stress e le sue ripercussioni sulla pressione arteriosa e sull’apparato digerente. E’quindi  indicato per problemi di insonnia, ansia e stanchezza della vista.

Il GIALLO è il colore dell’energia per eccellenza, sia mentale che fisica. Il colore è associato al chakra del plesso solare e all’emisfero sinistro del cervello. Stimola infatti la razionalità, l’attività mentale e porta fiducia e sicurezza. Per quanto riguarda l’aspetto fisico, il giallo stimola l’apparato digerente, facilitando la digestione; stimola inoltre le funzioni epatiche e linfatiche. A livello psichico stimola invece le funzioni cerebrali, aumenta le capacità di concentrazione e apprendimento, migliora l’umore, le capacità comunicative e i rapporti interpersonali. È controindicato in stati febbrili e nevralgie.

L’ARANCIONE è il colore della creatività artistica e sessuale: inducendo serenità, entusiasmo, voglia di vivere, ottimismo, positività dei sentimenti e salubre approccio al lavoro. A livello fisico agisce regolando  la respirazione, stimola l’appetito e l’attività delle ghiandole endocrine. E’ inoltre indicato in caso di sclerosi, calcolosi, catarro e amenorrea. A livello psichico, l’arancione combatte invece la sonnolenza, le paure, i dubbi e i rallentamenti decisionali.

Il ROSSO è il colore della passione e del potere: viene associato alla forza, alla salute e alla vitalità, ma anche al sangue e alle passioni violente. A livello fisico agisce come stimolante: alza la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca, stimola l’attività del sistema nervoso, sollecita la muscolatura e favorisce disintossicazione e rigenerazione. A livello emotivo il rosso combatte invece l’apatia, stimola il coraggio e la volontà, combatte la depressione e la stanchezza mentale. E’ tuttavia controindicato in caso di febbre, infiammazioni, ipertensione e senso di agitazione generale.