Premettendo che non è assolutamente una brutta parola, e che non indica assolutamente una parte del corpo, oggi parliamo di un termine dai molteplici significati ma, soprattutto, facilmente utilizzabile nella nostra quotidianità. Riscopriamo il significato di

CULACCINO: sostantivo diminutivo di culaccio, termine con il quale si indica una particolare macellazione, il culaccino può indicare:

- le estremità del salame, della salsiccia o del pane;

- il fondo di bicchiere, quindi l’avanzo del vino, che occupa il fondo del bicchiere, anche detto centellino;

- la traccia lasciata da un secchio bagnato o da un recipiente simile nel punto in cui è stato appoggiato.

LINK CORRELATI:

Il significato di “azzimare”

Alla scoperta di “atavico”

Recuperiamo il vocabolo “recrudescenza

Ci ricordiamo di “Riminiscenza”?

Cosa vuol dire “ossimoro”?

photo credit: seleniamorgillo via photopin cc