In Italia è esploso il car sharing. Nelle principali città italiane, ovvero Firenze, Milano, Roma, Torino e Catania, è arrivato il servizio “Enjoy” di Eni che consente ai cittadini di poter affittare un’automobile o un mezzo a tre ruote pagando pochi centesimi al minuto oppure acquistando un pacchetto giornaliero (h24). Tutto compreso, dalla benzina all’assicurazione. Un sistema che piace molto a turisti, cittadini e persino studenti che adesso possono muoversi in libertà, senza dover sostenere costi notevoli.

Qualcuno, però, è andato un po’ oltre utilizzando una car sharing Enjoy per viaggiare da Roma alla Calabria. Più precisamente nelle bellissime spiagge di Scalea, in provincia di Cosenza. Circa 400 i chilometri percorsi che al guidatore romano costeranno molto. Dovrà saldare un conto salatissimo. Un servizio che, teoricamente, sarebbe limitato al centro di Roma.. anche se l’articolo 6 del contratto di servizio recita: “Non è ammesso l’ultimo dei veicoli oltre i confini del territorio nazionale italiano”. Dunque, in punta di diritto, il car sharing può essere utilizzato in tutta Italia, anche in Calabria dove il servizio Enjoy, di fatto, non è attivo. Fermo restando, però, che la macchina andrà parcheggiata, al termine del noleggio, nel territorio in cui è stata affittata: quindi, nel caso specifico, a Roma.

Eni: “Non è illegale”

“Non c’è niente di illecito in un noleggio che porta l’auto così lontano anche se pensiamo che riceverà un conto molto salato” è il commento dell’Eni a Repubblica.it. Con 25 centesimi al minuto, infatti, è possibile affittare l’auto Enjoy mentre con 50 euro si può utilizzare per 24 ore continuative con un limite di 50 chilometri. Dal 51° in poi si pagano 25 centesimi a chilometro in più. “Noi riforniamo di carburante le nostre vetture tra un noleggio e l’altro, mentre sono parcheggiate in città ma, durante il noleggio, non siamo tenuti a farci carico dei costi di un eventuale rifornimento, anche perché di solito i clienti le trovano con il pieno” ha aggiunto l’Eni.

A scoprire, per primo, la “follia” del guidatore romano è stato Gerardo Adinolfi che su Facebook ha postato la foto della macchina Enjoy e ha scritto: “A Scalea (Calabria) dove non arrivano neanche più i treni, e figurati il Car Sharing, c’è la macchina Enjoy con targa Roma Capitale. Il folle che ha deciso di farsi 400 chilometri a 25 centesimi a minuto è un pazzo o un genio. Forse peró non gli era chiaro che per parcheggiarla deve ritornare nei confini comunali romani”.

La folle “corsa” del guidatore romano costerà almeno 350 euro.