Stanno facendo molto discutere le indiscrezioni pubblicate da Repubblica intorno a una presunta lotta intestina tra Massimo D’Alema e Matteo Renzi.

L’ex premier, stando a quanto riferiscono le fonti del quotidiano, sarebbe stato sentito dire più volte di voler votare Virginia Raggi al ballottaggio per il sindaco di Roma allo scopo di far cadere Matteo Renzi. Non solo, ma questo sarebbe il suo consiglio per tutti coloro che gli chiedono un consiglio.

Il tutto con l’obiettivo – presunto – di ricostruire la sinistra riformista, per la quale si dovrebbe lottare anche in merito al referendum costituzionale previsto per ottobre, con D’Alema schierato apertamente per il “no”.

Sinora siamo nel campo delle indiscrezioni non confermate, che in ogni caso hanno provocato un prevedibile terremoto nel Pd, con il vicesegretario Debora Serracchiani che tenta di calmare gli animi – “Siamo di fronte a questioni personali. Sfasciare tutto non serve” – mentre il presidente Matteo Orfini chiede su Twitter che il politico si impegni con i collegi: “Spero che D’Alema smentisca al più presto. E che venga a darci una mano in questi ultimi giorni di campagna”.

E la smentita in effetti arriva molto velocemente, grazie alla portavoce Daniela Reggiani, che ha accusato in un comunicato stampa Repubblica di aver diffuse dichiarazioni false: “I numerosi virgolettati riportati, a cominciare dal titolo, corrispondono a frasi mai pronunciate“.

Si fa notare infatti che non vi sono riferimento al contesto in cui sarebbero avvenute le affermazioni attribuite a D’Alema, con il risultato finale di un articolo “frutto della fantasia del cronista e della volontà dei suoi mandanti.” D’altro canto, conclude la Reggiani, Massimo D’Alema in questo periodo è stato molto impegnato all’estero e non avrebbe avuto modo di occuparsi della campagna elettorale di Roma,

Orfini ha quindi recepito il messaggio e in un più recente tweet ha fatto il possibile per risanare lo strappo interno al Pd: “D’Alema ha smentito. Polemica chiusa. Lo aspettiamo a uno dei tanti gazebo per Giachetti che in questi giorni riempiono la città”.

Dal canto suo però la redazione di Repubblica conferma quanto scritto. Impossibile determinare al momento che piega prenderà la vicenda e sopratutto in che modo Renzi deciderà di muoversi.