Una decisione davvero assurda quella di Jewel Shuping che ha deciso, di sua volontà, di perdere la vista e si è fatta accecare da uno psicologo che l’ha accompagnata in questo percorso. La sindrome di cui soffre la donna ha un nome ben specifico, si chiama Body Integrity Identity Disorder, si tratta di persone che all’interno del loro corpo si sentono a disagio e per questo, devono debilitarlo.

Jewel non ha mai avuto problemi di salute e fin da bambina “sognava” di diventare cieca.

“Quando avevo 3 o 4 anni – racconta Jewel – mia madre mi trovava di notte che camminavo nei corridoi bui della casa”. Ma non è tutto: da adolescente ha imparato il breil l’alfabeto per i ciechi, ed ha iniziato ad andare in giro con occhiali neri e bastone come i non vedenti. Successivamente ha incontrato uno psicologo che dopo diversi mesi di terapia, ha deciso di aiutarla facendole perdere la vista progressivamente, buttandole del detersivo negli occhi.

Il suo “sogno” si è quindi avverato e Jewel adesso è cieca e ogni giorno si batte per i diritti dei non vedenti.