L’Italia è di nuovo in deflazione, e questa volta per trovare dati peggiori dobbiamo ritornare di oltre cinquant’anni fa. Secondo l’Istat l’indice dei prezzi al consumo dopo la variazione nulla del mese di dicembre, a gennaio ha registrato un calo dello 0,6% rispetto a dodici mesi fa, e dello 0,4% nei confronti del mese passato. Per trovare una riduzione dei prezzi maggiore dobbiamo ritornare a settembre del 1959, quando la deflazione aveva raggiunto il -1,1%.

Secondo il nostro istituto di statistica, la riduzione dell’indice dei prezzi – ovvero la deflazione – è determinato soprattutto dalla caduta continua dei prezzi dei beni energetici – soprattutto di quelli non regolamentati che sono passati dal -8% di dicembre al -14,1% di gennaio, e dal rallentamento del tasso di crescita dei prezzi dei servizi di trasporto – passato da un +2% ad un +0,2%.

L’inflazione di fondo resta positiva – se si depura l’effetto dei beni energetici e degli alimentari non lavorati – ma mostra un ulteriore rallentamento – visto che si passa dal +0,6% al +0,3%. Lo stesso risultato si ottiene se si calcola il solo tasso al netto dei beni energetici. Questo rallentamento dell’inflazione è il segnale di un mercato interno sostanzialmente fermo con i consumi che stagnano.

A contenere in parte il calo dei prezzi al consumo è l’aumento dei prezzi dei vegetali freschi – che segnano un aumento del 7,1% -, un aumento che è ovviamente influenzato  da fattori stagionali. Bisogna poi segnalare che l’Istat ha aggiornato il paniere utilizzato per il calcolo dell’indice dei prezzi al consumo – ovvero che misura l’inflazione/deflazione. Si registra l’ingresso di servizi come quello del car e bike sharing, di prodotti come la pasta ed i biscotti senza glutine, della birra analcolica e del caffè al ginseng al bar. Dentro anche le bevande al distributore automatico e l’assistenza fiscale per il calcolo di Imu, Tasi e simili. Lasciano invece il paniere prodotti come l’impianto hifi, il registratore Dvd, il navigatore satellitare e servizi come il corso d’informatica.

Photo credit: Pixabay.